Senza categoria

Il teschio di Goya


Una reliquia artistica, la più prestigiosa della storia dell’arte, ritrovata nelle pieghe del tempo e di nuovo scomparsa.
Una schiera di rivali assestati di prestigio vuole ottenerla.
Una scia di sangue e morte al suo passaggio.
Un teschio maledetto.
Il testo di Francisco Goya.
Questa è la trama di “Goya Enigma”, il nuovo romanzo di Alex Connor edito da Newton Compton Editori.
Francisco Goya è uno dei pittori spagnoli più apprezzati e stimati ed è anche un’artista ammantato da un’aura demoniaca. Le sue ultime opere non sono ancora state decifrate: le pitture nere, un ciclo di dipinti con cui il maestro ha ricoperto le pareti della sua dimora di Madrid, la Quinta del Sordo. Un mistero al quale lo storico dell’arte Leon Golding, protagonista di questo romanzo, ha consacrato la propria vita.
Lo studioso e suo fratello Ben Golding sono cresciuti a Madrid, allevati da una tata spagnola ossessionata proprio dalla figura di Goya, tormento che ha trasmesso alla già fragile mente di Leon. Egli infatti è cresciuto nel mito del pittore ed è stato condizionato dai racconti della tutrice, la quale attribuiva a Goya una dimensione mefistofelica.
Bartolomè e Gabino Ortega sono, invece, i discendenti di una ricca ed influente famiglia spagnola. Il primo, come Leon Golding, è tormentato dal desiderio di dare un senso alle ultime opere di Goya ed ha sempre considerato lo studioso inglese il suo principale rivale.
Emile Dwappa è un inquietante criminale africano che vede nel teschio ritrovato un’ottima occasione per arricchirsi. Il suo intento è quello di liberarsi dal giogo della madre despota e terrificante.
Bobbie Feldenchrist è una ricca ereditiera che vuole aggiudicarsi il teschio per accrescere il prestigio della propria collezione privata e, per raggiungere l’obiettivo, non disdegna di fare affari con criminali e trafficanti.
Tuttavia, il vero protagonista di questo avvincente romanzo è Ben Golding, il fratello chirurgo dello studioso Leon. Suo malgrado, Ben si ritroverà a dare la caccia al teschio e dovrà combattere contro tutti per ottenere pace e giustizia. Ma, soprattutto, per ritornare ad avere la sua vita, quella che il teschio gli ha improvvisamente strappato.
Una miscela di mistero, suspance, storia, follia, ricatti, occultismo e morte caratterizza questo romanzo. 
Una storia appassionante, dal ritmo incalzante che pone al centro l’ultimo periodo della vita di Goya e le teorie sul significato delle sue opere più misteriose.

Senza categoria

Un amore senza eguali

Quinn e Graham si incontrano nel momento più difficile delle loro giovani vite, nel momento in cui scoprono di essere stati traditi dai rispettivi fidanzati. La loro conoscenza appare assurda ai loro occhi; ancora non sanno che sono destinati ad un amore senza fine. Un amore che, tuttavia, affronterà una tempesta di forza cinque quando sperimenteranno la triste sorte dell’infertilità. Pian piano, infatti, lo spettro della sterilità si insinua tra di loro, portando le tenebre nel loro rapporto. Una prova ardua che getta Quinn e Graham nello sconforto e sembra esaurire la loro voglia di lottare per un amore incompleto.  

Questa è la trama di “Un ricordo ti parlerà di noi”, ultimo romanzo di Coleen Hoover, edito da Sperling & Kupfer.

Una storia divisa tra presente e passato, nel quale la protagonista alterna il racconto della genesi dell’amore con il marito a quello della difficile situazione vissuta nel presente, caratterizzata dalla crisi provocata dalla difficoltà a procreare. Un’alternanza che rende la narrazione suggestiva e appassionante. È un romanzo commovente, ricco di emozioni contrastanti, che arriva dritto al cuore con la forza un uragano. Un libro di un’intensità travolgente, romantico e struggente, che incatena il lettore in un’altalena di sentimenti, trattando il tema dell’infertilità con strabiliante sensibilità, ma anche con immenso realismo. La straordinaria abilità della scrittrice permette al lettore di calarsi completamente nei panni e nell’animo dei protagonisti, entrando così nel vortice di sensazioni che li caratterizza. Un romanzo devastante che fa palpitare il cuore con un racconto dolcissimo ma anche molto amaro, che apre uno sguardo sul vero amore; insegna ad apprezzare e ad essere grati per quello che si ha, senza rimpiangere ciò che non si può avere.

Un libro che non si vorrebbe mai chiudere.

Senza categoria

Processo a un assassino

Francesco è un uomo di mezza età. Vive un periodo di confusione e smarrimento, conseguenza di un difficile divorzio; un rapporto intermittente con la figlia adolescente.
Francesco è un poliziotto e viene accusato dell’omicidio di un uomo. Non un uomo qualsiasi, ma un sostituto procuratore della Repubblica. Non uno qualsiasi, ma il suo migliore amico. Un accusa infamante e deleteria per la sua vita, per la sua carriera. Tutte le circostanze sono contro di lui; è l’unico sospettato. Tuttavia, manca un elemento fondamentale per l’accusa: il movente.
Francesco, però, è convinto di essere vittima di un errore e si batterà nelle aule del tribunale per gridare la propria innocenza.
Ma la verità processuale non sempre coincide con la verità storica: a volte condanna innocenti e a volte assolve colpevoli. Quale sentenza deciderà della vita del vicequestore Francesco Prencipe?
Questa è la trama di “Non sono un assassino” di Francesco Caringella, edito da Newton Compton Editori.
Una vicenda giudiziaria egregiamente raccontata, come solo un uomo di legge sa fare. Un romanzo appassionante, come solo un ottimo scrittore può creare.
In questo libro, Francesco Caringella narra, dal punto di vista dell’imputato, delle indagini, del processo, della custodia cautelare: di un uomo libero e rispettabile che, all’improvviso, soggiace accuse abbiette, sperimenta le privazioni del carcere e subisce lo stigma sociale.
Sembra prendere forma il peggior incubo di ogni uomo onesto, nel quale però emergerà una piccola nota positiva: il ritrovato rapporto con la figlia Martina.
Un romanzo che si beve in un unico sorso e che tiene il lettore con il fiato sospeso fino all’ultima sorprendente pagina.

Senza categoria

PROSSIME USCITE NEWTON COMPTON EDITORI

Ecco a voi le prossime uscite Newton Compton Editori. Ce ne sono davvero per tutti i gusti! Buona lettura!

COSPIRAZIONE CREMLINO di Joel C. Rosemberg

In uscita il 16/04

Alla Casa Bianca c’è grande attenzione per le crescenti tensioni in Corea del Nord e in Iran. Mentre il presidente americano è impegnato a monitorare la situazione potenzialmente esplosiva, a Mosca sono in corso piani per sfruttare la situazione. Al Cremlino, infatti, sta avanzando un nuovo zar. Un presidente russo che consolida il suo potere, mettendo a tacere l’opposizione con il pugno di ferro. E le trame che vengono ordite in segreto minacciano di scardinare l’intero equilibrio internazionale. I russi, infatti, stanno organizzando un’eclatante e fulminea azione militare che potrebbe rompere l’alleanza nato e portare Washington e Mosca sull’orlo di una guerra nucleare. C’è solo una cosa che gli astuti servizi segreti russi non hanno previsto: l’ex agente statunitense Marcus Ryker conosce i loro piani e intende fermarli a ogni costo. Prima che si scateni una crisi globale inarrestabile. Perché, anche se Ryker è stato addestrato a salvare vite umane, questa volta è disposto anche a uccidere.

THE SISTER di Abigail Barnette

In uscita il 18/04

Sophie Scaife sente che finalmente le cose stanno andando per il verso giusto. La vita con suo marito, il miliardario Neil Elwood, va a gonfie vele e la chimica tra loro è bollente. Anche la presenza di El-Mudad ibn Farid ibn Abdel Ati, il miliardario che hanno deciso di far diventare il loro amante, rafforza la loro passione più che mai. Ma un viaggio verso casa farà scoprire a Sophie una dolorosa verità, mettendola faccia a faccia per la prima volta con la famiglia che non ha mai conosciuto. Quando le viene chiesto un favore che potrebbe cambiarle la vita, dovrà decidere se aiutare i suoi parenti o salvare sé stessa, a meno che non riesca a trovare un modo per fare entrambe le cose. Emotivamente turbata, dovrà fronteggiare anche le tensioni sul lavoro che minacciano la sua carriera professionale. Se vuole conciliare ciò che il cuore desidera e le paure per il suo futuro, Sophie dovrà imparare a lasciare andare il passato e accogliere possibilità che non avrebbe mai neppure immaginato di prendere in considerazione…

ALESSANDRO MAGNO E L’AQUILA DI ROMA di Javier Negrete

In uscita il 18/04

323 A.C. Alessandro Magno, il più grande condottiero di tutta la storia, è destinato a morire a Babilonia, quando un misterioso medico, inviato dall’oracolo di Delfi, gli salva la vita. Dopo quasi vent’anni di campagna militare ininterrotta in Grecia e in Asia, Alessandro decide quindi di tornare indietro. Qualcosa a Occidente ha catturato il suo interesse. Solo la più grande potenza militare esistente può infatti ostacolare la sua conquista del mondo. Si tratta di una città che, allo stesso modo di Alessandro, è convinta che il suo destino sarà grandioso: Roma. È tempo di capire a chi spetti la supremazia nel Mediterraneo, se alle falangi macedoni o alle legioni romane. Gli auguri e i profeti intravedono catastrofi nei loro presagi, perché la cometa Icaro, apparsa nello stesso istante in cui Alessandro fu strappato alla morte, cresce notte dopo notte nel firmamento. I calcoli dello stravagante astronomo Euctemone parlano chiaro: come nel mito, Icaro precipiterà sulla terra. Alessandro e Roma si preparano a combattere la più grande battaglia mai vista, sulle pendici del Vesuvio…

GOYA ENIGMA di Alex Connor

In uscita il 18/04

La testa di Francisco Goya venne rubata dalla tomba in seguito alla sua morte. Nessuno ha mai saputo che fine avesse fatto. Fino a ora. Quando Leon Golding entra in possesso del cranio perduto del più famoso pittore spagnolo, è euforico. Ha dedicato la sua vita a risolvere il significato delle ombre nei dipinti di Goya. Finalmente la sua pazienza sarà premiata e il mondo dell’arte lo riconoscerà come uno tra gli studiosi più influenti del grande artista. Il fratello di Leon, Ben, un chirurgo plastico del Whitechapel Hospital di Londra, teme invece che stia per avere un’altra delle sue crisi o che non prenda regolarmente le sue medicine. Pur di vedere riconosciuta la sua straordinaria scoperta, Leon si è rivolto ad alcuni dei critici d’arte più famosi al mondo. E, proprio a causa del suo entusiasmo per l’autenticazione del cranio, la notizia è trapelata e ha attirato parecchia attenzione. Quello che Leon e suo fratello Ben non sanno è che qualcuno è disposto a tutto pur di mettere le mani sul reperto più prezioso mai venuto alla luce di tutta la storia dell’arte.

L’ANNO IN CUI I NAZISTI HANNO PERSO LA GUERRA di Andrew Nagorski

In uscita il 18/04

All’inizio del 1941 e armate naziste occupavano gran parte dell’Europa. Il Regno Unito di Churchill era in una condizione di isolamento, ormai ultimo baluardo di resistenza a Hitler, ridotto allo stremo dagli attacchi dei bombardieri e dei sottomarini tedeschi. Stalin, nel rispetto del patto di non aggressione, era ancora un semplice spettatore, mentre Roosevelt si riproponeva di tenere gli Stati Uniti fuori dal conflitto, anche se preparava la famosa legge Affitti e Prestiti. In questa situazione, Hitler era convinto che la vittoria fosse ormai vicina. Quell’anno sarebbe stato decisivo, e lo fu davvero, ma non nel senso in cui sperava il Führer. Alla fine del 1941, lo scenario era completamente diverso. Hitler aveva giocato d’azzardo e aveva ripetutamente perso: invadendo l’Unione Sovietica nella stagione meno opportuna e commettendo una serie di disastrosi errori militari; facendo delle uccisioni di massa e del terrore la sua strategia e affrettandosi a dichiarare guerra agli Stati Uniti dopo l’attacco del Giappone a Pearl Harbor. La Gran Bretagna, così, si era guadagnata due potenti alleati: la Russia e gli Stati Uniti. La Germania era ormai condannata alla sconfitta.

NON SONO UN ASSASSINO di Francesco Caringella

In uscita il 18/04

È un freddo e piovoso mattino d’autunno, quando una scena raccapricciante sorprende la domestica del sostituto procuratore Giovanni Mastropaolo: l’uomo giace nello studio della sua villetta, la fronte bucata da un proiettile. Non ci sono segni di effrazione e gli inquirenti rimangono sconcertati: l’omicidio non ha le caratteristiche tipiche di quelli compiuti dalla malavita organizzata, ipotesi che sembrava la più probabile, dato che la vittima era nota per le sue indagini contro la nuova camorra pugliese. E così, anziché rivolgersi verso l’ambiente criminale, i sospetti si concentrano su Francesco Prencipe, vicequestore, legato a Mastropaolo da antichi rapporti di amicizia e di collaborazione professionale. Dopo un drammatico interrogatorio, il funzionario viene accusato del crimine e arrestato. A questo punto l’unico modo che Prencipe ha per non finire i suoi anni in galera è quello di imbarcarsi in un’ardua battaglia giudiziaria per dimostrare la propria innocenza. Ma nel processo che lo attende verità e menzogna troppo spesso si intrecciano, separate da un sottilissimo filo… Un omicidio senza movente, un’indagine mozzafiato e un finale inaspettato per un esordio sorprendente e unico, che vi terrà incollati fino all’ultima pagina.

L’ISOLA DEGLI AMORI PERDUTI di Nadia Marks

In uscita il 18/04

Sull’isola di Cipro, nella piccola località balneare di Larnaca, tre amici di infanzia si riuniscono per il funerale di Katerina, la domestica di umili origini che ha avuto un ruolo fondamentale nelle loro vite. Eleni, Marianna e Adonis sono cresciuti insieme, come fratelli. E l’amore, la saggezza e i consigli di Katerina hanno contribuito a formare il carattere di ciascuno di loro. La sua scomparsa è un duro colpo da affrontare, ma il funerale della donna non sarà semplicemente un’occasione per ricordarla con nostalgia. La madre di Adonis, infatti, capisce che è arrivato il momento di confessare qualcosa che riguarda il passato della famiglia. Esiste una storia che non tutti conoscono, fatta di inganni, amori proibiti e amicizie indissolubili che potrebbe sconvolgere i tre amici, cambiando per sempre il corso delle loro vite. L’affetto che lega Eleni, Marianna e Adonis sarà in grado di reggere il peso dei tanti segreti che ignoravano?

L’UOMO PERFETTO É UN BUGIARDO di Jessica Clare

In uscita il 19/04

Boone Price e i suoi fratelli se ne intendono di oro nero. È l’unica parte positiva del loro lavoro su una piattaforma petrolifera. Ma le cose sono destinate a cambiare…
Quando un giacimento ricchissimo viene scoperto nel terreno brullo e sterile che possiedono, si ritrovano improvvisamente proprietari della più grande fonte di petrolio di tutto il nord America. In ventiquattr’ore, sono multimilionari. Adesso che Boone ha più soldi di quanti ne abbia mai potuti sognare, comincia ad abituarsi all’idea di poter ambire a qualcosa di grande. E una donna come Ivy Smithfield potrebbe non essere più fuori dalla sua portata. Ivy è bellissima, di gran classe e si sta occupando di trovargli una villa di lusso in cui trasferirsi. Riuscire a dimostrarle che non è solo un bifolco che ha fatto fortuna per Boone significherebbe dare una svolta alla sua vita. C’è solo un piccolo problema. Ivy non è chi dice di essere e le sue bugie potrebbero far cambiare idea a Boone su molte cose…

REALMENTE AMORE di Nichole Chase

In uscita il 20/04

Samantha Rousseau sa bene che cosa vuol dire lavorare sodo. Si sta impegnando al massimo per ottenere la sua laurea in Scienze naturali e si prende cura di suo padre, ammalato da anni. Non ha tempo per gossip, vestiti costosi o vacanze di lusso. Così, quando riceve un invito a cena da parte di una duchessa nel piccolo regno di Lilaria, non può credere ai suoi occhi. Possibile che sia rimasta colpita dal suo programma di ricerca e voglia fare una donazione all’università? La verità va oltre ogni immaginazione ed è destinata a sconvolgere per sempre la vita di Samantha. Alex D’Lynsal sta cercando di ripulire la sua reputazione. Il suo ruolo di erede al trono di Lilaria, infatti, gli impone di mettere la testa a posto una volta per tutte. Ma per uno come Alex non è semplice rinunciare al fascino di una bella donna.
Specialmente una come Samantha…

Senza categoria

Il canto degli eucalipti

Miki , Leon e Max sono i protagonisti di “ Il segreto della collezionista di fiori”, ultimo romanzo di Karen Viggers, uscito il 10 aprile ed edito da Newton Compton Editori.

In una piccolo centro della Tasmania, ai confini di una grande foresta di eucalipti, dove le aquile si librano leggere, si intrecciano le vite dei tre ragazzi.

Miki è un’adolescente che in una notte ha perso i genitori e la sua casa in seguito ad un incendio. Sola, isolata e prigioniera del fratello maggiore che la controlla in modo ossessivo, impedendole di vivere. Una ragazza fragile ed insicura che brama la libertà, più dell’aria che respira in quel negozio che è diventato la sua gabbia, i cui unici amici sono i grandi alberi della foresta e una famiglia di piccoli diavoli della Tasmania.

Leon è un guardaboschi appena trasferitosi nella piccola cittadina australiana. Ma la vita laggiù, dove dominano i taglialegna, per lui è complicata. In fuga da un padre alcolizzato e violento, troverà l’amicizia nel piccolo Max e in suo nonno, che saprà riscoprire dopo anni di lontananza.

Max è un bambino vittima di bullismo e succube del padre, ma dal cuore grande.

Questi tre punti di vista si alternano nella vicenda in cui la forza degli ideali e della bontà d’animo combattono la cattiveria e portano alla luce ingombranti segreti.

Un romanzo leggero e scorrevole, che tocca, però, temi importanti come il bullismo, la violenza domestica e l’amicizia. Risulta, tuttavia, un po’ lento nella narrazione.

Senza categoria

Intervista a Fabio Delizzos


Essere autrice di un blog mi dà la grandissima opportunità di intervistare molti scrittori. Dopo aver letto “La stanza segreta del Papa” è sorto spontaneo il desiderio di fare alcune domande all’autore di questo grande thriller storico: FABIO DELIZZOS.
I suoi romanzi, tra i quali “Il cacciatore di libri proibiti”, “La cattedrale dei vangeli perduti”, “Il collezionista di quadri perduti”, hanno avuto grande successo e sono stati tradotti in molte lingue. Sono appassionanti. Incantano il lettore.

• Come nasce la scelta di scrivere romanzi storici?

Chissà. Quando ho letto Il nome della Rosa e guardato il film di Jean Jacques Annaud sette volte di fila? Oppure quando ho letto Q di Luther Blissett? O quando ho visto Barry Lyndon, o La guerra del Fuoco, o Tutte le mattine del mondo? In parte, la scelta è scaturita dall’aver capito che uno scrittore deve parlare di ciò che conosce bene. E io ho studiato Filosofia e Storia all’università e sono rimasto sempre un grande appassionato di queste discipline. Ho anche studiato il repertorio per chitarra barocca e fatto concerti di musica antica. Ma quando ho scritto il mio primo libro, non ero ancora deciso. Infatti, il mio primo romanzo, che si intitola La setta degli alchimisti, è per metà ambientato nel 1699 e per metà ai giorni nostri. La scelta definitiva l’ho lasciata ai lettori e alla casa editrice. Dopo la pubblicazione tutti mi dissero che avevo dato il meglio nella parte storica, e così…

• Tutti i tuoi romanzi hanno avuto grande successo. Quale tra questi ha richiesto maggiore impegno nella realizzazione?

I primi due, a causa dell’inesperienza e anche del fatto che a quel tempo lavoravo almeno otto ore al giorno nel reparto creativo di una grande agenzia di pubblicità internazionale. Fu un continuo riscrivere e smontare e rimontare e riscrivere. Oggi, con lo stesso impegno e con la stessa quantità di tempo che mi richiesero La setta degli alchimisti o La cattedrale dell’Anticristo, scriverei un’intera trilogia.

• Quali sono, a tuo avviso, gli elementi fondamentali per un thriller storico di successo?

Amo il thriller storico, perché unisce gli ingredienti di un genere “popolare”, il thriller, a quelli di un genere più “colto”, il romanzo storico. Lo spasso e la cultura alta sono e devono essere fusi insieme, insomma. Quindi un thriller storico deve creare suspense, avere colpi di scena, ma allo stesso tempo deve essere basato su una seria ricerca storica. E credo anche che un buon thriller storico debba parlare del presente, e solo in apparenza del passato.

• “La stanza segreta del Papa” è un libro molto affascinante con un protagonista forte e carismatico, il quale annovera, tra le sue doti, una grande padronanza dei veleni. Quale preparazione ha richiesto la conoscenza di questa materia?

Ho letto tanti libri sull’argomento, ho visitato musei e antiche spezierie, ho fatto domande a esperti. Qualunque mezzo è buono quando ci si documenta per scrivere un romanzo. Ma del veleno non c’è da conoscere solo l’aspetto farmaceutico-erboristico, diciamo così. Il veleno è importantissimo per uno storico. Non si può capire la storia, specialmente quella italiana, se non si ha qualche nozione sui veleni. I delitti perpetrati con quest’arma hanno dettato il corso degli eventi, tanto quanto le guerre e i trattati.

• Questo libro colpisce, inoltre, per la particolarità del tema al centro della trama: la castrazione dei bambini per farne cantanti. Cosa ti ha portato a scegliere proprio questo argomento?

Mi piace molto la musica antica suonata su strumenti originali, come ho detto. Copie fedeli di questi strumenti sono oggi costruite da liutai molto bravi e suonano magnificamente, restituendo il sapore e le sonorità di secoli addietro. Questo, però, non può accadere con la voce dei castrati. Il repertorio di canto per castrati non è riproducibile filologicamente, perché lo strumento originale non si può replicare. Bisognerebbe, infatti, evirare migliaia di bambini prima degli otto anni, far loro studiare canto con una disciplina impensabile al tempo d’oggi, e sperare che ce ne sia uno dotato del talento e delle doti naturali necessarie a raggiungere il livello di bravura di un castrato del Seicento o del Settecento. Impossibile. Per cui ci si deve accontentare di immaginare. In aggiunta a questo, l’argomento era originale per un thriller e ancora molto attuale. Penso ai tanti soprusi che ancora oggi subiscono i bambini. E penso anche alle donne, ai diritti che per troppo tempo non hanno avuto: infatti i castrati sono esistiti perché alle donne non era permesso salire sui palcoscenici. La storia è bella anche perché, a volte, è davvero brutta.

Senza categoria

LE VOCI DEGLI ANGELI

cof


Roma, Carnevale del 1756. Nella città del Papa imperversano delitti e soprusi. I fasti dell’arte e della cultura si accompagnano alle nefandezze perpetrate da sicari e avvelenatori.

Papa Benedetto XIV chiede l’aiuto del notaio investigatore della Serenissima Repubblica di Venezia, il barone Bellerofonte Castaldi: il suo compito sarà portare la luce tra le tenebre che avvolgono Roma. Tra i molti abomini compiuti nella città eterna, il notaio s’imbatterà in uno tra i più riprovevoli: il commercio di bambini. Una pratica terribile che permette a nobili, ricchi potenti ed ecclesiastici di comprare neonati e fanciulli per farne angeli cantori, mediante la castrazione. Scuole di canto e barbieri costruiscono la propria ricchezza su quest’immondo traffico di piccoli cantanti, costretti a subire barbarie ed angherie per la creazione di voci celestiali, simili ad angeli terreni. Ma questo commercio non è un segreto a Roma; ben altri e peggiori, sono gli arcani che dovrà svelare il giovane barone veneziano. Cos’hanno in comune le morti di anonimi bambini e quella del rettore di un convento di gesuiti? A risolvere gli enigmi celati nel romanzo “La stanza segreta del papa” scritto da Fabio Delizzos, ed edito da Newton Compton Editori, è proprio Bellerofonte Castaldi, un personaggio carismatico ed affascinante. Un uomo di legge, dal formidabile intuito investigativo, che serba nel cuore e nell’animo il grave dolore per la morte suicida della giovane moglie; esperto di veleni e pozioni, eredità del padre medico, che sa dosare con sapienza quando le parole non sono sufficienti. Ben presto, però, la Santa Inquisizione si metterà sul suo cammino, dando una piega inaspettata alle indagini, utilizzando a proprio favore i pregiudizi e l’odio atavico nei confronti dei giudei; indagini che condurranno a segreti inenarrabili, orrori celati tra le pieghe di una Roma marchiata dall’abominio. Veleni, esecuzioni capitali, castrati, Santo Uffizio, trame tra potenti; il buon senso contro i pregiudizi, la ragione contro la credenza popolare: i migliori elementi per un thriller storico eccezionale, con un protagonista sensazionale.

Un romanzo travolgente e abilmente costruito, che incanta il lettore e lo catapulta nella Roma illuminista, mostrandone il lato più oscuro.

Senza categoria

SEGNALAZIONE LIBRI IN ARRIVO: PROSSIME USCITE NEWTON COMPTON EDITORI

Cari lettori, oggi voglio segnalarvi alcuni romanzi che potrete leggere dalla prossima settimana, tutti editi da NEWTON COMPTON EDITORI.

Iniziamo con lunedì 8 aprile, giorno in cui uscirà “Mille ragioni per odiarti” di Penelope Douglas, un romanzo che vi stupirà con un mix di passione e paura.

“Banks non è una ragazza come le altre. È seria, controllata e preferisce di gran lunga starsene da sola, vestita da maschiaccio, piuttosto che parlare con la gente. Vive tra le ombre della città che si allungano intorno al Pope, un hotel abbandonato e oscuro, circondato dal mistero. Un mistero che qualcuno proveniente dal suo passato vuole conoscere, anche a costo di minacciarla. Anche a costo di spingerla al limite. Kai è uscito di prigione e deve fare i conti con tutti i suoi demoni, con tutti i suoi fantasmi. E così si ritrova faccia a faccia con Banks. In tutti gli anni trascorsi in prigione, Kai deve ammettere di non avere mai smesso di pensare a lei. Il nuovo incontro tra i due non scatena delle scintille, ma un vero e proprio incendio. Entrambi hanno dei segreti. E nessuno di loro è disposto a condividerli tanto facilmente.”


Martedì 9 sarà la volta de “Il segreto del collezionista di fiori”, scritto da Karen Viggers, un romanzo ambientato nella splendida natura della Tasmania, che narra di amicizia e rinascita.

“Leon si è appena trasferito in Tasmania, dove lavorerà come ranger nelle meravigliose regioni dei Parchi. Arrivato in una città in cui non conosce nessuno, può fare affidamento solo sul suo carattere socievole ed estroverso per stabilire nuovi legami. La prima persona che conosce è Max, il figlio dei vicini. È un bambino molto timido, ma l’amicizia con Leon sembra da subito giovargli. E Max non è l’unico su cui lui ha questo effetto. Anche per Miki l’incontro con Leon si rivelerà fondamentale: dopo il terribile incendio che ha devastato la fattoria in cui viveva, Miki gestisce il takeaway della città insieme al fratello Kurt. Sottoposta a un’educazione rigida, nascosta al mondo prima dai genitori e poi dal fratello, lentamente Miki trova il coraggio di guardarsi intorno, cercando un contatto con gli altri. Ma non sarà affatto facile. Ci sono scomodi segreti con cui deve fare i conti, e risposte che sembrano impossibili da trovare… Nell’incantata cornice delle antiche foreste di eucalipti, ¬ Il segreto della collezionista di fiori¬ è una storia che parla di amicizia, della possibilità di voltare pagina e del coraggio di liberarsi da pesanti eredità per cominciare una nuova vita.”


Mercoledì 10 uscirà, invece, “Il cadavere nel fiume” di Brian McGilloway, una nuova indagine della detective Lucy Black, tra misteri e pregiudizi razziali.

“Derry, Irlanda. Il cadavere di un ragazzo viene rinvenuto in un parco lungo il fiume, con il cranio spaccato da una pietra. C’è solo un indizio per identificarlo: il timbro di un locale gay che si trova nelle vicinanze. La detective Lucy Black, incaricata di seguire il caso, comincia a fare ricerche all’interno della comunità in cui il ragazzo viveva. Le tensioni non tardano a manifestarsi perché, nei giorni precedenti l’omicidio, un predicatore locale aveva abbracciato l’ipotesi della lapidazione per gli omosessuali. Il gruppo in difesa dei diritti dei gay insorge. Le cose si complicano ulteriormente quando un’organizzazione di estrema destra prende di mira una famiglia rumena che vive in un quartiere popolare. Mentre gli attacchi si intensificano, Lucy e il suo capo, Tom Fleming, devono anche gestire i dissidi tra un vecchio paramilitare e il suo vice, che minacciano di infiammare ulteriormente una situazione già instabile. Tutto sembra opporsi alla risoluzione del caso…”


Giovedì 11 aprile sarà la volta “La lettrice, La ladra di storie”, un romanzo di Traci Chee, ambientato in un mondo parallelo, nel quale sarà proibito leggere. Il romanzo adatto ad ogni bookaddicted!

“Sefia è determinata a tenere Arciere al sicuro dai piani della Guardia, che trama per conquistare i Cinque Regni. Nel Libro, l’antichissimo codice del passato, presente e futuro, una profezia narra del sacrificio di un giovane ragazzo che, insieme al suo esercito inarrestabile, sarà l’unico in grado di fermare la sanguinosa guerra che scuote Kelanna da anni. Sefia sa che si tratta di Arciere e non si fermerà davanti a nulla per proteggerlo. La Guardia ha già preso sua madre, suo padre e sua zia Nin. E lei preferirebbe morire piuttosto che permetterle di allungare la sua ombra di morte anche sul ragazzo che ama. Ma sfuggire alla profezia della Guardia e del Libro non è un’impresa semplice. Dopotutto “ciò che è scritto accade”. Sempre. E Sefia non ha messo in conto la sfida più ardua: osservare Kelanna che comincia a crollare, senza poter muovere un dito per non mettere Arciere in pericolo. Quando verrà il momento, saprà scegliere tra l’amore e la sopravvivenza dei Cinque Regni?”

Sempre giovedì, vedrà la luce anche “La chimica dell’amore” di Meredith Goldstein, un ironico romance,  con una protagonista adolescente alle prese con le pene del cuore.

“Maya ha solo diciassette anni ma crede di aver trovato la formula perfetta per la felicità: un tirocinio estivo al MIT, la più prestigiosa università scientifica degli Stati Uniti, due nuovi amici, appassionati di scienze almeno quanto lei, e un ragazzo perfetto. L’estate si annuncia come  indimenticabile. Ma quando Whit, il suo ragazzo, la lascia all’improvviso, tutte le sue certezze vacillano. E se la soluzione alle sue pene d’amore risiedesse in una ricerca lasciata incompiuta da sua madre? Era una famosa scienziata che, attraverso la manipolazione dei feromoni, si proponeva di attivare l’attrazione tra due persone. Maya è convinta che, riuscendo a concludere lo studio su cui era impegnata la madre, riuscirà a riavere Whit indietro. Il destino, però, sembra avere altri piani e il suo esperimento non farà che complicare le cose. Forse Maya capirà che l’amore non può essere manovrato, né spiegato con formule scientifiche…”


Venerdì 12 arriverà, invece, “Un errore così dolce” un intrigante romanzo scritto da Melanie Harlow.

“È tornato. Già solo averlo nella stessa città sarebbe stato un dramma, ma si è addirittura trasferito nell’appartamento di fronte al mio. Ed è così bello da farmi venire voglia di mangiarmelo. Ecco perché devo stargli alla larga. Il fatto è che non so resistere. E anche se tra noi volano scintille (un paio di volte ho pensato che il palazzo sarebbe andato a fuoco a causa di uno dei nostri sguardi) non mi farò ingannare, non questa volta. Una laurea in marketing e più di cinque anni nel settore della pubblicità mi hanno insegnato che il “vero amore” è solo una sciocchezza che si usa per vendere lucidalabbra, diamanti e profumi. Semplicemente non esiste. Ma lui mi provoca in continuazione, dicendo che mi sbaglio. E vuole a tutti i costi dimostrarmelo. Così l’ho sfidato a provarci. E potrebbe essere stata la cosa più stupida che abbia mai fatto.”


Pronti a scegliere il vostro prossimo romanzo?

Senza categoria

Il debito del Papa


cof

Un brillante professore di Harvard scopre, casualmente, l’esistenza di un ingente debito contratto dal Vaticano a metà del XIX secolo con una banca ebrea.Papa Celestino decide che quell’impegno sarà onorato. Tuttavia, a beneficiare di tanta ricchezza non saranno i discendenti dei banchieri cha hanno concesso il prestito. Ben altri sono i piani del pontefice: istituire una fondazione che si occupi di aiutare tutti i bisognosi del mondo. Lo stato del Vaticano, però, non possiede il denaro sufficiente ad estinguere il debito. Come fare? Papa Celestino decide, così, di mettere all’asta tutti i beni ecclesiastici, a partire dalle opere d’arte. Già, perché l’obiettivo primario della Chiesa è portare conforto a chi soffre ed aiutare quanti si trovino in difficoltà. Ma quella stessa Chiesa pullula di personaggi che non hanno le stesse idee del Papa. Molti sono i nemici che si metteranno sulla strada verso la realizzazione dei piani pontifici; con ogni mezzo, anche il più sleale e crudele, cercheranno di impedire il raggiungimento dell’obiettivo del Santo Padre.  

Questa è la trama de “Il debito” di Glenn Cooper, edito da TEA. Un romanzo che divide l’animo del lettore, il quale si trova a dover scegliere tra due beni contrapposti: aiutare chi ha bisogno e salvare le opere d’arte, d’inestimabile valore, possedute dallo Stato del Vaticano. Cosa ne sarebbe della Cappella Sistina, della Pietà di Michelangelo, dei Musei Vaticani e di tutte le straordinarie opere dei più grandi artisti di ogni tempo, se venissero vendute a privati? Un thriller che tiene il lettore con il fiato sospeso con un susseguirsi di colpi di scena ed un ritmo frenetico. Uno stile scorrevole e leggero, permette di divorare con sorprendente rapidità un libro di oltre 400 pagine. Riuscirà Papa Celestino a realizzare i suoi piani? A voi il compito scoprirlo.